Davide, protagonista del romanzo Volevo solo Amore

Davide, gli basta un’occhiata per innamorarsi perdutamente di Marika, ma sa già che quella ragazza nasconde qualcosa. Qualcosa di terribile…


Aveva sempre preferito le more, di solito, ma quella sconosciuta aveva qualcosa che aveva attirato subito la sua attenzione. Si scoprì ansioso di poterla rivedere e scosse il capo, incredulo, ridendo di se stesso. Perché non gli era mai capitato, prima, di avvertire quel tipo di emozione. Aveva sempre liquidato i colpi di fulmini come una stronzata colossale, un’invenzione dei libri per giustificare l’improvviso rincitrullimento di due persone, ma adesso cominciava a pensare che ci fosse un fondo di verità, dopotutto. Restò a guardare la ragazza fino a quando questa non scomparve oltre il cancello d’entrata dell’istituto, quasi in trance. Fu il suono sordo della campanella a ricordargli che si era attardato troppo e che se non voleva sorbirsi una nuova predica da parte di quel rompicoglioni del prof di educazione fisica, Ferrari, che già lo teneva sullo stomaco da anni e aspettava solo un suo passo falso per sospenderlo, doveva darsi una svegliata. Si era appena incamminato, quando con la coda dell’occhio colse un luccichio. Si abbassò sulle ginocchia e raccattò da terra un oggetto, rendendosi conto che si trattava di un bracciale. Se lo rigirò tra le mani, per osservarlo meglio. Sembrava fatto d’argento e vi erano appesi vari ciondoli. Uno in particolare, di questi, attirò la sua attenzione: una piccola scarpetta tempestata di cristalli Swarovski. Piegò le labbra in un sorriso. «Con questa ti ritroverò, mia piccola Cenerentola…» sussurrò a bassa voce, quasi a se stesso. Si mise in tasca il bracciale e varcò i cancelli del liceo.

Volevo Solo Amore

#VolevoSoloAmore #Storia #Romanzo #AnnaIeva #AnnaGrieco #Abusi #Violenza #Donna #Amore #Minore #Scuola #Amica#Zio #Parente #Famiglia #Difesa #Tutela #Società #Minorenne #violenzasessuale #peneesemplari

www.facebook.com